Attività del progetto


1.Gestione e monitoraggio del progetto


Questa azione assicurerà che: tutte le attività previste vengono svolte secondo lo scadenzario pianificato e costi previsti, i risultati siano consistenti con lo scopo del progetto e con i suoi obiettivi specifici e siano di alta qualità; lo scambio di informazioni fra i partners del progetto sia efficace; ci sia una corretta gestione finanziaria; gli avanzamenti del progetto e altri materiali siano disponibili a tutti i partners al tempo giusto attraverso il portale web; la produzione di report all’UE sugli avanzamenti del progetto si efficiente. Inoltre l’azione misirerà e documenterà l’efficacia delle azioni del progetto a confronto con i risultati attesi.

2.Sviluppo dell’SMS sulla base della modellistica indicata dal  CRA-ABP e creazione di un manuale d’uso e applicazione dell’SMS anche in regioni dell’EU diverse dalle aree pilota del progetto


L’SMS, applicazione web-GIS per il monitoraggio dei rischi di degradazione del suolo, verrà sviluppato dall’EKPA in collaborazione col CRA-ABP. L’SMS supporterà tutte le funzione necessarie per monitorare e gestire i rischi di degradazione del suolo, sulla base della metodologia sviluppata dal CRA-ABP. L’uso di tecnologie informatich e in particolare di tipom web-GIS renderà la suddetta metodologia pianamente operativa, cioè di pronto utilizzo per le Autorità Locali e Regionali. EKPA e CRA-ABP collaboreranno per produrre un manuale di uso dell’SMS. Questo manuale conterrà tutte le informazioni di supporto necessarie per un uso efficace dell’applicazione.

3.Implementazione, applicazione dell’SMS nelle aree pilota Sicilia e Peloponneso, identificazione delle aree a rischio di degradazione dove attuare le misure di protezione


La degradazione del suolo è un processo lento determinato da cause sia naturali che umane. L’identificazione del processo nelle sue prime fasi di sviluppo permette agli attori politici di avere il tempo di intervenire con politiche meno costose e più efficaci. In attuazione della Strategia tematica Europea per la Protezione del Suolo, si stanno sviluppando reti regionali e nazionali di monitoraggio in tutta Europa. Queste reti devono soddisfare vari requisiti. Gli attori politici hanno bisogno del monitoraggio per conoscere lo stato attuale dell’ambiente, come sta cambiando, e capire quali pressioni stanno agendo su di esso. Il monitoraggio è necessario per valutare se le leggi nazionali e internazionali, e gli accordi per la protezione dell’ambiente sono soddisfatti o viceversa disattesi. Il monitoraggio fornirà anche un supporto per il futuro sviluppo e l’applicazione delle politiche per la gestione del suolo, fornendo le prove sullo stato del suolo a seguito dell’applicazione delle misure di protezione. L’SMS verrà implementato e testato in due aree pilota: Sicilia sud-occidentale (Italia) e Corinto, Peloponneso (Grecia). L’SMS, modellando i fenomeni che influenzano il processo di degradazione, secondo la metodologia indicata dal CRA-ABP, individuerà le aree a rischio di degradazione, e in seguito verificherà l’efficacia delle misure di protezione applicate, testando così la veridicità delle assunzioni alla base delle strategie di protezione applicate.

4.Dimostrazione dell’uso dell’SMS ad autorità locali e regionali diverse da quelle delle aree pilota


La dimostrazione delle potenzialità dell’SMS ad altri utilizzatori potenziali è necessaria e potrà portare alla creazione di una rete di collaborazioni fra regioni con problematiche di gestione del suolo e dell’ambiente simili. I metodi per dimostrare l’SMS verranno accuratamente scelti, in quanto sarà necessario dimostrane la convenienza economica per renderlo attraente agli occhi degli utilizzatori potenziali. La partecipazione alle DG Regio Open Days (Giornate Aperte della Direzione Generale Europea delle Politiche Regionali) e alle DG Environment Green week (Settimana Verde della Direzione Generale Europea dell’Ambiente) servirà a promuovere l’uso dell’SMS e anche a promuovere la gestione delle politiche di protezione del suolo. I risultati e i prodotti ottenuti con il progetto verranno pubblicati nel siti-web del progetto (accessibile al pubblico), dove chi fosse interessato potrà consultarli e inviare ai partner del progetto i suoi commenti in proposito. Tutti i partners del progetto manterranno una propria lista dei potenziali utilizzatori dell’SMS e della relativa metodologia di monitoraggio, e una lista complessiva verrà assemblata dal CRA-ABP e dall’EKPA. Dimostrazioni su web (e-courses) circa l’uso dell’SMS verranno organizzate. Un breve questionario verrà mandato agli utilizzatori potenziali: per evidenziare la loro percezione circa la gestione del suolo; per avere una loro valutazione a riguardo dell’SMS, del relativo manuale d’uso ed e-courses; e per coinvolgerli nella elaborazione dei piani regionali di gestione del suolo.

5.Formazione all’uso dell’SMS dei potenziali utilizzatori


Il passo successivo alla dimostrazione dell’efficacia dell’SMS è quello della formazione dei potenziali utilizzatori. La formazione aiuterà i nuovi utenti a capire la necessità della protezione del suolo e promuoverà la Strategia Tematica Europea per la Protezione del Suolo. L’EKPA provvederà ad elaborare gli e-courses sull’uso dell’SMS e sulla gestione del suolo sostenibile.

6.Applicazione delle misure di protezione del suolo nelle due aree pilota: Sicilia e Peloponneso


Le due aree pilota hanno caratteristiche simili, ma anche molte differenze, dunque l’applicazione del sistema di monitoraggio SMS e delle misure di protezione promosse dal progetto dimostrerà la possibilità di utilizzare il sistema in territori diversi. Dal punti di vista amministrativo la regione Siciliana è una regione a statuto autonomo e dunque gode di un certo grado di indipendenza, mentre la normativa del Peloponneso è collegata a quella delle vicine regioni della Grecia occidentale. Entrambe le regioni, comunque, dovranno realizzare consultazioni pubbliche per realizzare dei piani che siano di interesse ed efficaci verso gli attori privati. I suddetti piani saranno costituiti da specifici incentivi finanziari, legali o di altro tipo, che rientrino fra quelli previsti nelle esistenti normative italiana e greca per la promozione di tecniche di contrasto alla degradazione del suolo in agricoltura, turismo, industria, ecc.

7.Uso dell’SMS per monitorare l’efficacia delle misure di protezione del suolo


Il monitoraggio dello stato del suolo è un prerequisito della Strategia tematica Europea per la Protezione del Suolo. Il periodo di monitoraggio comincia esattamente dopo il completamento della messa a punto dell’SMS. Tutte le misure di protezione attuate dopo questo momento saranno riscontrabili nelle condizioni del suolo nel lungo periodo. Il personale delle regioni assisterà e supporterà le istituzioni scientifiche nel monitoraggio dello stato del suolo. L’applicazione delle misure dovrebbe avere un effetto positivo sui suoli, e il monitoraggio è un punto essenziale per avere una gestione efficace del suolo stesso. Campioni di suolo verranno prelevati periodicamente per monitorarne lo stato.

8.Realizzazione di una campagna di promozione dell’uso sostenibile del suolo, per contrastare il processo di degradazione


Lo scopo di questa azione è di assicurare che i progressi e i prodotti realizzati dal progetto vengano effettivamente diffusi il più possibile ad un vasto pubblico, al fine di sviluppare una coscienza pubblica e sostenere così l’applicazione delle misure di protezione del suolo anche dopo la fine del progetto. Tutti i partners parteciperanno a questa azione.

LIFE08 ENV/IT/000428 - Centro Nazionale di Cartografia Pedologica - P.zza D'Azeglio 30 - 50139 Firenze - ITALY - Credits